Testimonianze ActivityMed 432hz

TestimonianzeActivityMed 432hz

Vuoi raccontarci la tua esperienza?

ActivityMed 432hz

Molte persone chiedono com’è questa esperienza di lavoro su di sé…

Chi l’ha vissuta sei tu…

Monica M.

Un insieme di emozioni e sensazioni contrastanti, di momenti attivi e fasi passive, tutto concentrato nel breve spazio di un’ora, che per me termina come fossero pochi minuti. Perché praticare activity med? La risposta è semplice: da questa pratica ho ottenuto e continuo ad ottenere effetti benéfici e profondi su corpo e mente che si riflettono in tutti gli aspetti della mia vita quotidiana. Ho sviluppato maggiore consapevolezza di me e maggiore empatia nei confronti degli altri, favorendo armonia nelle relazioni. Attraverso le activity med che pratico da tre anni, e che ho scoperto con Umberto e Cinzia, sto eliminando i pensieri superflui dando ascolto alla mia vita, riconoscendo i miei veri bisogni. Sto imparato ad ascoltarmi nel profondo e questo mi permette di vivere il più possibile per ciò che è dentro di me e non per ciò che è al di fuori. È questo il punto fondamentale che mi avvicina sempre di più alla libertà, la libertà di scegliere ciò che desidero “essere” per me, lontano dalla schiavitù del giudizio e dai sensi di colpa. Praticare le activity med mi aiuta nel quotidiano a capire l’importanza del momento presente, l’unico in cui siamo in grado di sperimentare la felicità, il qui e ora. È continuando a praticare le activity med che sto riuscendo a prendere coscienza di chi sono veramente e soprattutto di chi non voglio essere, trovando il coraggio di iniziare e proseguire con gioia e positività il percorso della mia evoluzione.
Consiglio le activity med ad ogni persona che vuole migliorare nel profondo la propria esistenza, a tutti…perché tutti abbiamo bisogno di essere più felici.
In quanto a me….mai più senza!

Mariasole D.A.

Indosso la mascherina, e chiudo gli occhi, sento i miei piedi appoggiati a terra, divaricati quanto basta per radicarsi ed inizio a preparare il mio corpo alla Med: […] Sbadiglio, Allungo, Ruoto, Radico, sono Pronta…

La musica comincia inizio il movimento dai piedi, dalle mie radici e subito si propaga all’interno del mio corpo: piedi, caviglie, polpacci, gambe, anche, bacino, cassa toracica, spalle, braccia, mani, collo e testa…. un tutt’uno, un contenitore in comunicazione, connesso a se e radicato. Sento, mi sento, musica, vibrazione, lascio andare, liberazione… […] All’improvviso inizio a diventare acqua e il mio corpo contenitore cambia stato: da denso, Creta, diventa Acqua e comincia lo svuotamento. […] Il mio movimento era vigoroso ma virtuoso di velocità suggerite dalle vibrazioni musicali, era anche più lento ci sono state delle variazioni sul tema. […] Mi sento ,respiro incalzante, mascella aperta, bocca spalancata, comoda, sento i piedi e le caviglie infuocati e caldissimi. Respiro, sento il Beat del cuore che con il suo ritmo si sincronizza all’affanno del respiro e lentamente trovano un’unione. Cambia la musica e […] mi sento morbida, dinoccolata, lancio, rimbalzo, connessioni che saltano di qua e di là all’interno di me, ma passano tutte per il centro, per il bacino, l’ombelico… […] Sento la schiena, la spina dorsale è come un serpente, sinuosa, dentro le mie articolazioni c’è liquido, scorre… tutto scorre… tutto passa… è corrente di un fiume… viaggia… La musica si dissolve e cammino verso la mia postazione per procedere. Mi metto in una posizione comoda, gambe incrociate e schiena dritta, e noto che la mia bocca è sempre aperta, rilasciata. Appoggio le mani sulle ginocchia rivolte verso l’alto e aspetto… […] Noto che la mia mascella è sempre aperta, la bocca spalancata e noto un collegamento molto più libero e diretto con il resto del mio corpo contenitore e Io resto lì!

Mi sdraio al pavimento e lascio che il mio corpo si sciolga, si dia alla terra, sento il mio respiro viaggiare nel mio corpo contenitore: Sento il calore; sento le mani; sento la mandibola, sento apertura, sento calore, sento lo svuotamento, sento la possibilità…e sento la musica: gli uccelli. […] Il mio corpo contenitore è ancora caldo, presente, ma svuotato in tutte le sue parti con la mascella sempre aperta…

Finisce la musica … Tempo… e tutto resta un ologramma e si dissolve… Lascio Andare… Ascolto la voce che mi conduce nel ritornare qui , al 16 Gennaio 2019… Inizio a muovere il mio corpo caldo, aperto, svuotato…lentamente. Con il mio tempo allungo le braccia sopra la testa ed allungo le gambe dalla parte opposta, Respiro. Mi rotolo sul fianco destro. Respiro. Vado a quattro zampe. Respiro. Srotolo la schiena, ultima la testa, con la bocca sempre aperta. Respiro! Tempo! Il Mio Tempo.

E lentamente tolgo la mascherina e mi aggiungo al cerchio insieme ai miei compagni, e Cinzia e Umberto. Faccio fatica ad aprire gli occhi mi concentro sul centro del nostro cerchio comune e …Respiro! …e… Sorrido! Leggermente … Tutti insieme ci alziamo in piedi e mettiamo le mani sul cuore e diciamo GRAZIE!!!

Eleonora F.

Praticare le ActivityMed con Umberto e Cinzia […] è stato un magnifico viaggio nel profondo di me stessa, alla scoperta di un mondo interiore infinito e vario del quale avevo solo una lontana percezione.

E’ stato un ribaltamento delle mie convinzioni, l’apertura di un’attenzione nuova al corpo, alle emozioni, ai pensieri: sono stata abituata da sempre a trattare il corpo come muscoli e arti da controllare per arrivare a determinate prestazioni sportive e spesso a vederlo come un limite, le emozioni sono sempre state qualcosa di incontrollabile che mi assaliva e mi impediva di contattarmi per agire lucidamente… i pensieri dei piloti automatici, spesso ridondanti che alimentavano la staticità della mia condizione e la mia visione del mondo…

Iniziare questo percorso è stato a volte bellissimo, a volte difficilissimo, a volte entusiasmante e a volte frustrante… perchè le abitudini e la ricerca della prestazioni sono difficili da abbandonare… ma nella costanza, nella fiducia e nel lasciarsi guidare da questi due professionisti fantastici e amorevoli ho acquisito una consapevolezza nuova che ribalta ogni cosa… una serenità e un senso di padronanza di me stessa che non avrei mai pensato di poter raggiungere…

Ogni volta è una scoperta diversa…. ogni volta è una nuova porta che si apre verso nuovi orizzonti.

Sono in cammino, non riesco ad essere sempre in questo magnifico spazio… ma ho capito in quale direzione desidero andare…

Semplicemente… grazie.

X