Gli oli essenziali, preziose gocce estratte dalle parti più nobili delle piante (Regno Vegetale), sono un concentrato di composizione biochimica assai complessa dalle molteplici proprietà benefiche. Sono la quintessenza della natura, la “joie de vivre” delle piante: racchiudono l’energia vitale che il sole, l’aria, la terra e l’acqua donano ad esse. Rappresenta  fin dall’antichità il punto d’unione tra mondo terreno e mondo spirituale, il collegamento con il Divino.

L’ olio essenziale è metaforicamente paragonabile all’anima della pianta, la sua componente più sottile e purificata, contiene tutti i principi attivi e le informazioni energetiche-vibrazionali che la caratterizzano, generati dalla sinergia di luce e calore.

Agiscono, tramite l’olfatto e la pelle, direttamente sul sistema nervoso centrale entrando in contatto con la parte più primitiva ed istintuale del cervello, il sistema limbico. Le molecole profumate provocano una reazione chimica nelle cellule nervose che danno origine ad uno stimolo elettrico che raggiunge direttamente il sistema limbico, sede delle emozioni e dell’inconscio. L’ipotalamo percepisce l’impulso elettrico e produce sostanze neurochimiche come la serotonina, la dopamina, le endorfine… Gli stimoli olfattivi sono evocativi e potenti, stimolano l’umore e gli organi, donano equilibrio ed armonia, contrastando lo stress e l’ansia.

Grazie alle loro elevatissime frequenze vibrazionali, possono aiutarci a ripristinare il nostro valore energico ottimale. Gli studi condotti da diverse università hanno mostrato l’influenza misurabile degli oli essenziali nel nostro organismo: hanno le frequenze più alte di qualsiasi sostanza naturale misurata, variando da 52 a 580 MHz. La presenza di una maggiore frequenza energetica significa incoraggiare il nostro corpo a rigenerare le cellule danneggiate, costruire una più alta difesa immunitaria ai virus e sostenere la vitalità energetica.

«Capire il linguaggio degli oli essenziali presuppone una grande capacità di ascolto che oltrepassa le barriere dello spazio e del tempo per accostarsi a una realtà fatta d’immagini e di emozioni. Vuol dire in particolare conoscere i metodi dell’Alchimia, un’antica dottrina che usava i sensi e le materie per ascendere nella dimensione più spirituale dove il confine tra corpo e mente si azzera. L’Alchimia parla di terra, di odori, di suoni, di vibrazioni, e lo fa mantenendo intatti e uniti armoniosamente la discrezione e il mistero, la scienza e la poesia, la religione e la sperimentazione, l’essere e il divenire» Gino Fioranvanti

L’erboristeria medioevale e l’alchimia suddividono gli oli essenziali secondo i 4 elementi: aria, fuoco, terra, acqua, correlati rispettivamente agli umori ippocratici e ai caratteri. Molto tempo prima che la chimica cominciasse a studiare le proprietà degli oli essenziali e dei loro componenti, erano utilizzati metodi di classificazione energetica della loro azione, visto che la pianta vive di luce e produce “gocce di luce” quali sono gli oli essenziali. Riprendendo la visione alchemica del mondo, applicata al mondo vegetale (spagiria), possiamo poi tracciare tre grandi categorie in cui rientrano gli oli essenziali, secondo la parte della pianta da cui provengono e trovare una corrispondenza con l’esistenza umana. La parte della pianta che assorbe più luce è più vicina al mondo spirituale e quindi i suoi frutti, più vicini al sole, come gli agrumi, corrispondono al gruppo del mondo spirituale (nota di Testa). Il fiore, che è comunque in relazione con luce ma è più delicato e sensibile, può essere avvicinato al gruppo del mondo animico (nota di Cuore). Il tronco e le radici, che assorbono poca luce ma danno grande stabilità, sono espressione del gruppo del mondo del corpo (nota di Base). Vi sono poi le foglie che pur appartenendo a varie parti della pianta possono rientrare in queste tre categorie.

Gli oli essenziali sono legati dunque ad archetipi che danno loro informazioni energetiche diverse e  offrono un modo naturale per il raggiungimento di un benessere armonico su tutti i livelli dell’Essere: fisico, emotivo, mentale e spirituale.

Gli Oli Essenziali in Esperienza BenEssere

Incontri Individuali a mediazione corporea

Cinzia Zannier

Incontri Individuali a mediazione corporea

Cinzia Zannier

Ciclo di Meditazioni in Movimento a 432 HZ, secondo il Metodo EB

Conducono: Umberto Mazzoni e Cinzia Zannier

Related Posts

Leave a Reply

X