Mindfulness

e il Protocollo PMP

Sono svariate le applicazioni della Mindfulness, termine diffuso e conosciuto dalla maggioranza delle persone che, sotto varie forme, si accostano a percorsi di consapevolezza, di crescita e di benessere personale.

La Mindfulness è uno strumento di esplorazione del nostro campo psico-energetico, che, attraverso il respiro, ci aiuta a sviluppare un’osservazione distaccata e non giudicante di noi stessi, come unità auto-cosciente. Da questa dimensione dell’essere scopriamo spazi di profondità, silenzio, intuizione, espansione di coscienza e scioglimento fisico-emotivo.

Negli anni sono stati sviluppati svariati protocolli di Mindfulness per consentire alle persone di sperimentare lo stato di Presenza non giudicante. Con il termine Mindfulness ci si riferisce sia all’atteggiamento di essere presenti a se stessi momento per momento (pratica informale), sia all’insieme di pratiche ed esercizi basati sulla tecnica Mindfulness (pratica formale).

Gli interventi basati sulla pratica formale della Mindfulness si sviluppano nell’osservazione intenzionale e non giudicante del respiro nel corpo: nel Protocollo Mindfulness Psicosomatica* (PMP), in particolare, la focalizzazione è sulle sensazioni di espansione e contrazione del respiro, sulla pulsazione del respiro nel corpo.

L’esigenza di strutturare un programma di Mindfulness e di definirlo Psicosomatico* nasce dal fatto che l’Uomo è un organismo complesso, un sistema coeso e coerente in cui diverse funzioni sono in relazione tra loro e dove c’è un centro di coscienza identificato a livello corporeo con il cuore.

Il Protocollo PMP prende come riferimento l’Uomo nella sua complessità, nella sua globalità e nella sua unicità, e  si basa sul funzionamento dei diversi sistemi biologici (psiche, sistema nervoso centrale, somatico e autonomo, del sistema endocrino e immunitario – PNEI).

Il Protocollo PMP  differisce dai protocolli tradizionali della Mindfulness, per un diverso sviluppo della tecnica di consapevolezza del respiro e soprattutto per l’integrazione del Bodyscan Psicosomatico*, degli Esercizi di Energetica e di altre Pratiche di Consapevolezza Psicosomatica* scientificamente riconosciute. L’obiettivo è far sperimentare una Consapevolezza di Sé più globale, integra e libera.

Consapevolezza è l’accettazione cosciente ed equilibrata dell’esperienza presente. Non è più complicato di così. È un aprirsi al momento presente per riceverlo, piacevole o spiacevole che sia, così com’è, senza afferrarlo per prenderlo, senza respingerlo per rifiutarlo.

Sylvia Boorstein

Le tre Tecniche fondamentali

Protocollo PMP

MEDITAZIONE MINDFULNESS PSICOSOMATICA*

E’ la Pratica di Consapevolezza fondamentale di questo Protocollo.
Viene utilizzata la Mindfulness Psicosomatica* come tecnica di base per facilitare l’accesso ad uno spazio di consapevolezza più profondo, attraverso l’ascolto del respiro nel corpo. La Mindfulness è una tecnica molto semplice ed essenziale per sperimentare la percezione globale di sé, in cui scompare la divisione tra corpo, emozioni e mente ed emerge la Coscienza unitaria dell’essere.
Durante gli incontri si viene guidati a percepire il proprio respiro nel corpo, attraverso un approccio che facilita la consapevolezza del momento presente, osservando la realtà esteriore e interiore in modo non automatico.
Questa attenzione al movimento spontaneo del respiro nel corpo ci permette di iniziare ad osservare chi siamo veramente, rivolgendo la concentrazione al nostro corpo, alle nostre emozioni, ai nostri pensieri, ai nostri atteggiamenti e alle nostre reazioni automatiche.

Sin dall’antichità, l’equilibrio psicosomatico e spirituale è stato associato al “respiro globale”. Nelle pratiche olistiche ad orientamento psicosomatico, il respiro è il principale strumento che rivitalizza il corpo, scioglie le emozioni bloccate, apre la mente e apre al risveglio della Coscienza.

Praticare con costanza e perseveranza facilita l’accesso ad uno stato di Consapevolezza Globale, per un tempo sempre più lungo e sempre più in profondità.

BODYSCAN PSICOSOMATICO*

È l’applicazione della Mindfulness Psicosomatica* alla conoscenza del proprio corpo e del suo linguaggio simbolico e consente un’ispezione, guidata dal respiro, dei vari distretti corporei.
Consente di sviluppare inizialmente una maggior sensibilità corporea e, successivamente, anche una attenzione più sottile, definita “energetica”, che si manifesta nel riconoscimento delle sensazioni interiori attraverso forme, colori e altre caratteristiche…
Questa tecnica permette la graduale consapevolezza dei propri blocchi psico-fisico-energetici. In psicosomatica* olistica, con blocco si intende l’interruzione o lo squilibrio di un flusso di energie-informazioni che deriva da un conflitto tra forze fisiche, istintive, emozionali e psicologiche.
Il Bodyscan Psicosomatico* è una vera e propria esplorazione di questi blocchi, che facilita la percezione delle diverse qualità che possiamo incontrare nelle varie zone del corpo e di osservare lo stato di frammentazione in cui ci ritroviamo; sviluppa una maggiore coscienza delle tensioni, sia muscolari che posturali, e delle emozioni trattenute. Riconoscendo e prendendo coscienza dei propri blocchi si apre la possibilità di scioglierli e trasformarli.

ESERCIZI DI ENERGETICA

Gli esercizi di Energetica stimolano una più profonda Consapevolezza di Sé attraverso l’esplorazione delle sensazioni del corpo in movimento. Questi esercizi ci aprono alla percezione dell’aspetto energetico, dell’ascolto delle sensazioni più fini e sottili del nostro sistema; hanno la finalità di aumentare la Consapevolezza del corpo nel suo fluire, del piacere del movimento, della propria vitalità e forza.
Sono stati selezionati tra le “Pratiche di Lunga Vita” presenti in tutte le culture tradizionali sia orientali che occidentali (Yoga, Thai-Chi, Bioenergetica….) e sono caratterizzati da una serie di movimenti sincronizzati al respiro per facilitare un “lavoro” che parte “dal di dentro”. Tra queste pratiche sono state scelte quelle di facile realizzazione, assenza di effetti collaterali e controindicazioni e adatte ad ogni tipo di persona, anche a coloro che sono limitati nei movimenti.

Gli esercizi di Energetica si suddividono in dolci e forti:

ENERGETICA DOLCE – YIN
La piacevolezza del movimento delle tecniche “dolci” aiuta a riscoprire l’armonia del corpo nella sua interezza e permette di sperimentare il piacere della lentezza dei movimenti, la fluidità del respiro, il rilassamento, il senso di pace e leggerezza.
Queste tecniche attivano il sistema nervoso parasimpatico, la componente del sistema nervoso autonomo che stimola calma e rilassamento.

ENERGETICA FORTE – YANG
La decisione delle tecniche “forti” irrobustisce il senso di presenza, forza e sicurezza della persona, promuovendo la percezione e la manifestazione dell’energia attiva nel corpo. Facilita l’espressione del proprio potere personale, in termini di Potenzialità, e della propria forza fisica e psicologica in termini costruttivi e volti alla difesa del proprio spazio vitale.
Stimola il sistema nervoso simpatico, la parte del sistema nervoso autonomo deputata all’azione.

Il protocollo PMP è un Programma di Educazione alla Salute Globale e alla Consapevolezza psicofisica ideato e sviluppato dall’Istituto di Psicosomatica PNEI dell’Associazione Villaggio Globale.

*Con il termine si intende un approccio olistico, che esula dall’ambito medico-psicologico.

La libertà non può esserti data da un’agenzia esterna o da una certa autorità superiore. Devi sviluppare una volta per tutte la capacità di comprendere la situazione. In altre parole, devi sviluppare una consapevolezza panoramica, una consapevolezza onnipervadente che comprenda la situazione in quel preciso momento. È questione di comprendere la situazione e aprire gli occhi a quel preciso istante e ciò non è un’esperienza particolarmente mistica o qualcosa di misterioso. Niente affatto. È solo percezione diretta, aperta e chiara di ciò che c’è adesso

Chögyam Trungpa

La Mindfulness Psicosomatica* in Esperienza BenEssere

Incontri Individuali e di Gruppo
Incontri di Gruppo

Ciclo di Meditazioni in Movimento a 432 HZ, secondo il Metodo EB        

Incontri Individuali

La Consapevolezza Globale di Sé attraverso la percezione del respiro nel corpo     

Incontri di Gruppo

Programma di Educazione alla Consapevolezza Globale di Sé e degli altri     

Related Posts

Leave a Reply

X